string(30) "https://www.baiologi.net/?page" La scommessa Ferrari

Accedi con Facebook

News

La scommessa Ferrari

Non spenderò una parola di più sul nuovo format delle qualifiche, già ho espresso la mia opinione (contraria) e sono stato contento dell'ignobile spettacolo che è andato in scena oggi, e sono felice della presa di posizione dei piloti.

#iostoconipiloti

Devo ammettere che anche io sono rimasto deluso dal distacco subito dalla Ferrari, però non faccio parte dei pessimisti.


La Ferrari ha fatto una scommessa, la scommessa di riprogettare da capo una monoposto al terzo anno con lo stesso regolamento, pensandoci bene è stata una scelta obbligata per tentare quantomeno di mettere i bastoni tra le ruote alla Mercedes.

Siamo onesti la gestione del reparto tecnico dal 2010 al 2014 è stata quantomeno scellerata, ogni reparto faceva quello che gli pareva, ed i risultati si sono visti in pista, anche quando per puro caso la monoposto iniziava bene poi perdeva terreno durante la stagione, poche idee e confuse, con gli scarichi soffiati non c'hanno mai capito una mazza e quando li hanno aboliti in Ferrari hanno avuto la trovata degli scarichi di Helmholtz, ma quando c'è arrivato anche Newey è stata la fine...e per continuare sull'onda dell'onestà, i mondiali sfiorati nel 2010 e 2012 sono stati sfiorati più per demerito della RedBull.

Ma sto divagando, tornando al nocciolo, la monoposto del 2015 era una chimera, un progetto rimaneggiato all'ultimo momento dal nuovo staff tecnico, e qui c'è stato un altro grave errore del team, hanno fatto le pulizie di primavera in autunno, comunque considerando da dove partivano il 2015 è stato un anno straordinario.

Ma non c'erano possibilità di evoluzione, quindi sono ripartiti dal foglio bianco.

Finalmente arriviamo al risultato deludente delle qualifiche.

In fondo è deludente per le grandi aspettative che ci eravamo creati, però ragionandoci, una monoposto rivoluzionata è diversa da una monoposto evoluta, serve un periodo di apprendimento per poter sfruttare tutto il potenziale, per questo secondo me non ha senso paragonare il distacco della prima qualifica dell'anno con il distacco medio di fine 2015, ha più senso il paragone con la gara in Australia dell'anno passato, in qualifica l'anno passato in Ferrari hanno incassato un distacco di 1.4" mentre quest'anno il distacco è stato di 8 decimi.

Se poi consideriamo che il venerdì è stato inutile, e le temperature sono state anomale, il tracciato è pure lui anomalo, io credo che prima di demoralizzarsi sarebbe il caso di aspettare la gara e poi la prova del nove in Baherin.

Certo che se il distacco in Bahrein sarà lo stesso, sarà il caso di cominciare a prepararsi ad una scommessa persa anche se il mondiale è molto lungo e non si sa mai.

Saluti

Commenti


Accedi per commentare