string(30) "https://www.baiologi.net/?page" Buona la prima, croci e delizie del Mondiale 2017

Accedi con Facebook

News

Buona la prima, croci e delizie del Mondiale 2017

Vettel su Ferrari vince e convince.

Per la Ferrari una prima tappa solida e convincente, almeno con Vettel, Raikkonen ha avuto molti problemi di setup e il gap dal tedesco è stato pesante, 20 secondi abbondanti sono un po' troppi a parità di strategia.

Al via buono spunto di Hamilton e Vettel, Seb però pattina leggermente tanto che non può insidiare Hamiltion e si deve difendere da Bottas, al primo giro i piloti delle prime file mantengono le loro posizioni.

Seb si francobolla ad Hamilton che detta il passo ma non scappa e i due aprono un consistente gap con gli inseguitori.

Hamilton non si trova bene con le gomme ed anticipa la sosta, monta la mescola più dura temendo di soffrire anche con le SuperSoft e finisce nel traffico, traffico che gli sarà fatale, mentre Hamilton è bloccato dietro Verstappen senza impensierirlo, Vettel continua a girare con le gomme che non mostrano segni di cedimento, il tedesco apre il gap per poter fare la sua sosta, al rientro in pista Ves e Ham sono molto vicini ma Seb rimane in testa fino alla bandiera a scacchi.

Una vittoria meritata e cristallina.

La RedBull è parsa più consistente in gara, ma comunque lontana, Ricciardo praticamente ha fatto la comparsa, è rimasto fermo in pista andando in griglia, il team l'ha rimesso in pista con 2 giri di ritardo e la sua agonia termina anzitempo, costretto a parcheggiare la sua RB13 sperando di non aver danneggiato la PU.

La Mercedes ieri è uscita sconfitta, e la cosa più significativa è la reazione di Toto Wolff e quei due pugni tirati al tavolo, l'anno passato in una situazione del genere secondo me avrebbe fatto un sorriso. 

La squadra modenese ha fatto un mezzo miracolo a portare in pista una monoposto così performante alla luce delle vicissitudini della passata stagione, la Ferrari ora è attesa alla riconferma in Cina, pista più probante dell'Albert Park, e la palla tornerà a Maranello, gli ingegneri rossi infatti sono chiamati ad un altro salto di qualità, dovranno saper sviluppare la monoposto costantemente, velocemente e bene, cosa che negli ultimi anni non gli è riuscita.

Parlavo di croci e delizie del mondiale nel titolo, le delizie sono delle monoposto belle da vedere e molto veloci; sono delle gomme che permettono ai piloti di spingere sempre e  ovviamente sono la competitività della Ferrari e la sensazione di vedere finalmente un bel mondiale combattuto.

Le croci sono le strategie obbligate, le gare a 1 sosta la faranno da padrone quest'anno e la difficoltà nel sorpassare.

Ieri abbiamo avuto un Vettel che è riuscito a rimanere attaccato ad Hamilton ma senza poterlo attaccare, e poi abbiamo avuto Hamilton dietro Verstappen più lento ma nessun attacco concreto.

In GP con tante curve veloci, la situazione non potrà che peggiorare.

Il pericolo è avere GP decisi da situazioni di gara e non da quei corpo a corpo che tanto ci piacciono.

Queste macchine convincono per prestazioni, trovo che sia anche bello avere spazi di frenata ridotti per far emergere le qualità dei piloti nel tentare un sorpasso, quello che non mi piace è avere macchine che perdono troppo carico seguendo una monoposto, con conseguente perdita di contatto e impossibilità di tentare il sorpasso in frenata.

Secondo me si dovrebbe trovare un compromesso tra ali e fondo per mantenere le prestazioni invariate consentendo ai piloti di rimanere attaccati in ogni tipo di curva.

Ora attendiamo con ansia e trepidazione la Cina.

Saluti

Commenti


Accedi per commentare